Problemi di salute

Feed Rss


Sopravvivere ad un Stroke – speranza e di progresso

 Mentre colpi può essere mortale, milioni di persone sopravvivono. Ma l’impatto sulla loro vita è spesso devastante. Stroke può influire sulla qualità della vita a così tanti livelli: fisico, psicologico, sociale ed emotivo. Di solito è improvviso e inaspettato, il che rende ancora più debilitante e traumatica, precipitare il malato in un’esistenza estranea e spesso terrificante nuovo. Amici e familiari sono inoltre inciso e quota del trauma. Tutti coloro che sono coinvolti faccia una battaglia emotiva per accettare una vita che è cambiata, forse irrevocabilmente, ma ancora molto vale la pena valorizzare e godere.

La buona notizia è che una quantità enorme di conoscenze è andato nello studio della vita migliore per ictus e quelli vicino a loro. Molte qualità di vita degli studi che coinvolgono medici, neurologi e ricercatori di riabilitazione hanno prodotto un patrimonio di conoscenze su come migliorare la qualità della vita a seguito di un ictus.

Che tu sia una vittima o un accompagnatore, non si può essere sorpresi di apprendere che una delle chiavi più importanti per la sopravvivenza è la speranza. Questa parola apparentemente semplice può significare la differenza tra una morte vivente virtuale, e una vita vale la pena vivere veramente. La speranza deriva dalla consapevolezza del costante progresso sensibile verso riacquistare e mantenere un praticabile, e anche divertente, giorno per giorno modello di vita.

Ma non sempre facile. Vittime di ictus affrontare molteplici ostacoli che sembrano impilare fino contro di loro, tra cui ridotta capacità funzionale, alterazioni psicologiche, o di significative difficoltà nel comunicare. Perdere il controllo della funzione corporea può sentire come perdere il controllo della tua vita, con un ritorno a qualsiasi tipo di normalità che sembra un obiettivo insormontabile. Questo porta a temere, e una sorta di paralisi psicologica per accompagnare l’handicap fisico.

Quindi il primo obiettivo deve essere il progresso stesso. Trovare la strada per tornare alla stabilità e godimento richiederà una grande quantità di tempo e pazienza. In attesa di risultati durante la notte porta solo alla delusione e la deflazione. Ma decidendo per lei che si abbracciano pazienza, e concentrarsi su una piccola pietra miliare alla volta, è possibile derivare dal piacere del viaggio vero e proprio. Una volta che si inizia a percepire che il progresso, l’obiettivo più splendente comincia a far capolino, e credi che un reale miglioramento della qualità della vita sia effettivamente possibile. Quella speranza ti spinge da una tappa all’altra, lentamente, creando un effetto palla di neve, sollevando in su e lontano dalla depressione paralizzante.

Possiamo vedere un parallelo nel modo in cui lo sport ci si sviluppa fisicamente e mentalmente. Quando noi giochiamo per vincere, ci piace davvero mettendo in serio sforzo. Il più difficile la sfida, maggiore è l’assorbimento, e la concentrazione. Siamo pronti ad accettare i trionfi e le battute d’arresto, finché possiamo vedere noi stessi per avvicinarsi alla meta. Mentre che fare con gli effetti di un ictus può essere una cosa seria, visto come una sfida sportiva può essere un efficace richiamo psicologico e contribuire ad eliminare quella paralisi interiore.