Problemi di salute

Feed Rss


Prevenire l’intossicazione alimentare – seguire le procedure di sicurezza

 Settantasei milioni di americani soffrono un episodio di intossicazione alimentare di quest’anno. Trecentomila vittime richiedere l’ospedalizzazione, e l’intossicazione alimentare uccide circa cinquemila. Una grande percentuale di questi avvelenamenti potrebbe essere prevenuto seguendo le pratiche basilari di igiene alimentare per mantenere il cibo pulito, manipolazione degli alimenti e mantenere pulito.

La maggior parte degli episodi di intossicazione alimentare sono causate da virus o batteri. Questi sono comunemente diffuse da particelle di origine animale o escrementi umani, per i fluidi corporei come sangue e urine, e lo sporco che si attacca alle carcasse di animali e di frutta e verdura. Quando letame viene utilizzato come concime per frutta e verdura, il rischio di contaminazione è aumentato. Animali il raccolto ed il trasporto e le colture offrono altre opportunità per l’esposizione.

Entrambi i processori a base di carne e pollame e le piante che gestiscono frutta e verdura hanno standard del settore per la pulizia e la sicurezza. Le piante che seguono questi standard ridurre notevolmente il rischio di intossicazione alimentare. Quando gli ispettori per la sicurezza alimentare di follow-up sulla contaminazione e le relazioni di intossicazione alimentare, di solito trovano gravi lacune in materia di igiene. Nel gennaio 2009, la contaminazione da Salmonella di burro di arachidi e di altri prodotti a base di arachidi necessario un richiamo a livello nazionale. Gli ispettori sanitari che ha seguito i prodotti contaminati di nuovo alle industrie di trasformazione ha rilevato carenze spaventose in servizi igienici di base, tra cui un tetto che perde, muffe, funghi, le piume degli uccelli, roditori morti, escrementi di roditori e scarafaggi morti.

Sia la Food and Drug Administration e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti esortano le aziende agricole e di trasformazione alimentare a mantenere i propri standard di settore approvati per la pulizia e la sicurezza.

Alla manipolazione degli alimenti nelle cucine istituzionali, ristoranti e negozi di alimentari al dettaglio hanno un mandato altrettanto forte per mantenere una buona igiene alimentare. In queste impostazioni, chiunque gestisce, prepara o serve cibo dovrebbe sempre praticare sane procedure di sicurezza alimentare. La chiave di volta di queste procedure è anche la più semplice: lavarsi le mani. Chiunque sia coinvolto in qualsiasi parte della preparazione di alimenti e servizi di ristorazione devono lavarsi le mani accuratamente e scrub sotto le unghie prima di toccare cibo. Lavaggio delle mani è ancora più importante dopo aver usato il bagno. Se un gestore cibo ha un’infezione all’occhio o di una infezione delle vie respiratorie superiori, o tagli sui polsi o le mani, quella persona non devono maneggiare cibo a tutti fino a quando la malattia o infezione è finita, oppure i tagli guarito.

Quando un lavoratore si trasferisce in un diverso tipo di cibo, soprattutto da cibi crudi a cotti, o di pollame alla frutta o verdure da insalata o altre verdure crude, devono lavarsi accuratamente le mani prima di toccare il cibo nuovo.

Utensili, coltelli, pentole, piani di lavoro e qualsiasi altra cosa che entra in contatto con gli alimenti deve essere pulita come fondo come ci si lava le mani.

Cibi freddi conservati per più di due ore, cibi freddi devono essere refrigerati a temperature inferiori a 40 °. Conservare il cibo caldo a 140 ° superiore. Conservare i cibi cotti in ampi contenitori poco profondi che permetteranno calore da dissipare, e refrigerare immediatamente.

Cucine che seguono queste pratiche di buon senso ridurre notevolmente il rischio di intossicazione alimentare. Un ristorante, negozio, o un server cibo istituzionale che non riesce a seguire queste pratiche può essere trovato colpevole di negligenza. Se voi o una persona cara ha subito un grave intossicazione alimentare episodio, e si ritiene che la negligenza è stato coinvolto, si consiglia di consultare un esperto avvocato di sicurezza alimentare per determinare se si dispone di un diritto impugnabile.