Problemi di salute

Feed Rss


Innovative Technology CT Riduce in modo significativo all’esposizione alle radiazioni

 Secondo uno studio presentato al meeting annuale della Società di Radiologia del Nord America

(RSNA), un innovativo tomografia computerizzata (CT) tecnologia può ridurre la quantità di radiazione ricevuta dal paziente durante la procedura di scansione può essere ridotta a oltre il 90 per cento rispetto al scanner tradizionali.

Lo studio è stato presentato dal Dr. James Earls, un radiologo da Fairfax Consultants radiologica nella periferia di Washington, DC il dottor Conti è l’autore dello studio e direttore medico del Cardiovascular TC e RM a Fairfax Consultants radiologici.

Lo studio è stato condotto in tre centri: Fairfax Radiological Consulenti in Fairfax, Virginia: Cornell University / New York Hospital di New York, e la University of British Columbia a Vancouver, Canada nel corso di un periodo di 9 mesi, e consisteva di 1.202 pazienti.

Gli scanner CT nuovi applicare una nuova metodologia statistica nota come adaptive ricostruzione iterativa (ASIR). Oltre alla riduzione della esposizione a radiazioni, la scansioni fornisce anche una chiara immagine del cuore che aiuta a identificare i pazienti che possono avere un attacco di cuore. Anche la riduzione dell’esposizione alle radiazioni significa riduzione del rischio di cancro.

Fairfax radiologica Consultants ha sostituito i vecchi scanner tecnologia con il nuovo e divenne l’unica struttura al mondo con il maggior numero di scanner a basso dosaggio.

L’importanza dello studio sta nel fatto che l’eccessiva esposizione alle radiazioni da TC è un argomento molto discusso e dibattuto nel settore dell’assistenza sanitaria al giorno d’oggi. Scanner CT genera raggi X che sono passati attraverso il paziente e raccolto ed elaborati da un computer per fornire immagini tridimensionali dell’organo. La radiazione ricevuta da un unico corpo intero TAC che ha ricevuto è di circa di 500 raggi X convenzionali.

Mentre scansioni CT sono segnalati per aumentare il rischio di cancro di circa il 0,05 per cento, avvertono che i medici radiologi troppo zelanti stanno ordinando inutili TAC che porta a oltre la diagnosi e interventi non necessari, nonché un aumento del rischio radiazioni. In questo scenario, il tentativo di sviluppare una tecnologia che riduce l’esposizione alle radiazioni durante una TAC è altamente sensibile.