Problemi di salute

Feed Rss


Devo preoccuparmi per la mia piedi piatti e Quali sono le opzioni di trattamento?

 Le preoccupazioni circa i piedi piatti sono un motivo molto comune per una consultazione con un medico di famiglia. Un piede normale ha un arco longitudinale sul lato interno del piede. Una persona con un piede piatto è piccolo arco o no, il tallone si inclina verso l’esterno (valgismo) e l’avampiede può ruotare verso l’esterno (abduzione) quando sono in piedi o camminare.

Molte persone non avrà mai problemi causati dai loro piedi piatti, ma se un paziente inizia a sperimentare il disagio che deve essere studiata a fondo da un chirurgo del piede.

Ci sono diverse condizioni che possono causare i piedi piatti, alcuni sono congenita (ereditato) e altri sono invece acquistati. Il più comune patologia collegata allo sviluppo di piedi piatti è una disfunzione del tendine tibiale posteriore.

Questo tendine corre dietro il malleolo mediale che è la prominenza ossea all’interno dell’articolazione della caviglia

Dolore dietro l’interno della caviglia associato con un piede piatto è sempre una chiara indicazione di una disfunzione tendine tibiale posteriore.

C’è uno spettro di problemi causati da piedi piatti, che vanno da infiammazione dei tendini, con danni irreversibili tendini e alle articolazioni, con aumento del dolore e deformità del piede piatto. Lo spettro è descritta dagli specialisti come segue:

Fase uno: non vi è l’infiammazione del tendine, ma non deformità. La diagnosi viene fatta durante un esame fisico e confermata con l’ecografia o risonanza magnetica.

Fase due: la deformità del piede piatto è ovvio, le articolazioni del retropiede sono ancora flessibile e non artritici con degenerazione dei tendini e aumento del dolore

Fase tre: deformità del piede piatto in cui le articolazioni del retropiede sono sempre artritici, dolorosa e rigida.

Fase quattro: la deformità del piede piatto a carico dell’articolazione della caviglia che diventa artrosica e dolorosa

Se rilevato e trattato in una fase precoce, il trattamento conservativo anche fisioterapia, solette e coppia con relativo riposo può portare ad un recupero completo. In una fase successiva, si deve considerare una procedura chirurgica tra osteotomie e un trasferimento tendineo.

Alla fase 2 si deve correggere il disallineamento e quindi si deve eseguire una osteotomia calcaneare

Questa operazione è talvolta noto come ‘shift tallone’ perché coinvolge il movimento calcaneare, l’osso grande sul retro del tacco, che è diventato fuori allineamento.

‘Osteotomia’ Il termine significa tagliare e attraverso un incisione, il chirurgo allinea correttamente il calcagno e lo fissa con le viti.

In aggiunta si deve sostituire la rottura tendine tibiale posteriore.

I tendini sono di vitale importanza per la funzione del piede, che collega un muscolo ad un osso. Quando il muscolo si contrae, il tendine tira l’osso e si verifica in un movimento comune.

Sebbene tendini può essere pensato come corde, non sono così dinamico come il muscolo e non hanno il muscolo grado di elasticità o capacità di rigenerazione. Se il tendine tibiale posteriore è gravemente danneggiata, un chirurgo esperto può trasferire un tendine da una delle dita minori per sostituire il danneggiato tendine tibiale posteriore.

In tal modo, si può ancora ottenere un recupero completo e una buona funzionalità. Nella fase finale di adulto piede piatto, si deve fondere giunti per riallineare il piede ed eliminare il dolore.

Al fine di evitare che ciò accada e per assicurarsi che il trattamento corretto è iniziata al momento giusto, tutti i pazienti con i piedi piatti che vivono alcun disagio dovrebbe essere visto da un piede e specialista della caviglia.