Problemi di salute

Feed Rss


Bere caffè per ridurre il rischio ictus?

 Mentre beve il caffè è stato associato a più bassi rischi di diabete di tipo 2 e cognitive impairment, l’opinione che si tratti può ridurre efficacemente il rischio di ictus è stato mescolato. Ora, alcuni nuovi, il lavoro più rigoroso confermano i precedenti risultati – bere caffè potrebbe avere un impatto sul rischio per alcune condizioni di salute.

L’ultimo studio di 23.000 uomini e donne che sono stati seguiti per una media di 12 anni ha scoperto che il consumo di caffè è inversamente correlata al rischio di ictus.

Ecco come i numeri stack up. I soggetti erano di età compresa tra 39 e 79 anni e non ha avuto storia di ictus, malattie cardiache o cancro quando hanno fornito le informazioni contenute nella metà degli anni 1990. Nel complesso, 17.807 ha dichiarato di consumare una certa quantità di caffè, una media di poco più di 3 tazze al giorno. Una completa 4425 ha detto che non bevevano il caffè.

Nel corso dei prossimi dodici anni, 855 dei partecipanti allo studio sono stati tratti.

Coloro che hanno riportato un po ‘consumo di caffè avevano un rischio del 27% più basso di ictus rispetto a coloro che hanno detto che non bevevano caffè.

Tuttavia, bere più caffè non ha portato una riduzione maggiore del rischio di ictus.

Gli uomini sembravano avere più di un beneficio dal consumo di caffè rispetto alle donne, ma quando tutte le statistiche sono stati eseguiti, l’eventuale differenza non pan fuori.

Se hai fumato, bere il caffè portato un rischio ridotto del 61% di ictus. Cosa c’è di più, la riduzione del rischio è venuto non importa che tipo di caffè che hai bevuto … con la caffeina, decaffeinato, istantaneo o terra. E si poteva bere una tazza, o quattro, non aveva importanza in termini di riduzione del rischio di ictus.

Un primo studio ha trovato prove che il caffè potrebbe migliorare la sensibilità all’insulina nel corpo, il che aiuterebbe a proteggere contro il diabete di tipo 2.

Altri studi suggeriscono che il caffè potrebbe inibire la formazione di coaguli sanguigni, limitando l’aggregazione piastrinica. C’è anche la ricerca che ha trovato i componenti del caffè possono agire come agenti anti-infiammatori, e forse hanno effetti antiossidanti pure.

C’è una debolezza con lo studio però – auto dei dati riportati. Questo rende difficile capire la quantità reale di persone che bevevano caffè – coppe sono tutte le forme e dimensioni diverse, dopo tutto, rendendo la consistenza di misura una vera sfida.

Mentre la ricerca non è stato progettato per rendere le raccomandazioni ufficiali sul consumo di alcol caffè, è intrigante. Rende inoltre alcuno sforzo per spiegare quanto il consumo di caffè potrebbe influenzare il rischio di ictus.

Se siete preoccupati per il rischio di ictus, adottare altre misure, ora, per ridurre il rischio.

Mentre non è possibile cambiare le cose relative alla vostra genetica o la vostra età (il rischio raddoppia per ogni decade dopo i 55 anni) o di processi naturali, stili di vita sono sotto il vostro controllo.

Smettere di fumare, controllare la pressione sanguigna e colesterolo, trattare il diabete, le malattie di cuore o delle arterie e seguire una dieta sana. Essere attivi per almeno mezz’ora quasi tutti i giorni della settimana.

Queste sono le cose sono più esperti sanno utile per ridurre il rischio di ictus. Naturalmente se ti piace, non c’è nulla di male (e forse qualche beneficio) a bere il caffè con moderazione su una base quotidiana.